Tale mamma tale figlia



Il binomio madre-figlia è un rapporto a dir poco complesso.  Un insieme di molteplici aspetti tanto forti quanto contrastanti. Ma una cosa è certa: è un rapporto fortissimo, viscerale, unico.

Me ne rendo conto, nel mio piccolo, anche producendo e vendendo accessori.
Prendete ad esempio i girocolli con i cuoricini lego.
Li ho pensati per le mamme. Mi piaceva l'idea che attraverso un accessorio molto semplice e comodo, potessero mostrare il loro lato più giocoso: sentirli di nuovo bambine, affrontare con leggerezza anche le piccole grandi beghe di tutti i giorni. Mi divertiva anche l'idea che, attraverso una collana con i lego, strappassero un sorriso ai loro bambini quasi dicessero "guarda, anche mamma gioca con i mattoncini colorati!"


Poi è successo che le figlie delle mie clienti, hanno cominciato a chiedermi una collana come quella della mamma. E ho capito che quel cuoricino in lego poteva essere un piccolo elemento colorato per sentirsi ancora più unite e simili, pur nelle proprie differenze.

Così, in vista del Natale, ho pensato di vendere insieme due girocolli. Perfettamente identici, ma naturalmente a misura di mamma e a misura di bimba.
Due collier di lunghezze diverse, confezionati insieme e venduti a un prezzo davvero vantaggioso. Una bella idea regalo per sentirci ancora più unite!

Se l'idea vi attira, correte qui. Trovate i cuoricini in tantissimi colori ma i pezzi sono limitati.

Il mio prossimo obiettivo? Giocare con i lego!



Ora ti svelo il segreto di pulcinella. Anche perché probabilmente, tu che leggi, sei una creativa come me. Lo sapevi che le creative progettano il Natale quando tutti grondano di sudore e anelano un po’ di freschetto? Ovvero parecchi mesi prima che arrivi il Natale? Ho fatto così anche io.
Anche se l’arte del planning per me è ancora una grande sconosciuta, quest'anno (incredibilmente)anche io ho iniziato per tempo.  E per farlo ho scelto il materiale più giocoso tra quelli che uso abitualmente: i mattoncini di plastica colorata. 


Ho preso carta e penna e ho cominciato a buttare giù alcune idee. Poi, per verificarne la fattibilità di esecuzione, sono andata sul sito della Lego. Oh mamma: sono letteralmente impazzita.  Io non so se tu hai mai avuto la passione per questi mattoncini colorati, io si da sempre. Scoprire che puoi comprare ogni singolo pezzo, sceglierlo non solo per forma ma anche per sfumatura di colore, mi ha reso euforica.
Insomma: un occhio alle tante possibilità offerte dallo shop on line lego, l’altro sul mio pinterest sbirciando tra le palette invernali che avevo salvato, carta e matita a prendere appunti ed ecco che è nata la nuova collezione lego per Natale. Ordine fatto e parte dei pezzi arrivata proprio ieri!
Spille tulipano realizzate con lego: un regalo divertente e originale
Cosa ci farò con questi mattoncini? Sullo shop trovate già una piccola anteprima, ma a giorni inserirò un assortimento più ampio.  Si tratta soprattutto di spille molto colorate da mettere sui pullover, le giacche e i cappottini. Fanno una bellissima figura e sono un’idea regalo perfetta, per un dono originale che non vi costi una fortuna. Poi bracciali coloratissimi e divertenti e piccoli anelli che…ti fanno sentire a casa...
Per non parlare degli orecchini, i classici mattoncini pendenti che già proponevo ora saranno disponibili in decine di colori diversi. E poi i portachiavi...

Basta inverni grigi, neri e marroni. Il mio must per l’inverno 2017/18 è l’accessorio colorato.

Anelli con base anallergica regolabile e casetta realizzata in Lego


Un accessorio divertente che ti faccia sentire unica e ti metta allegria quando vedi la tua immagine riflessa in una vetrina.
Un tocco di colore, allegria e voglia di giocare proprio non deve mancare nel guardaroba.
Se vuoi saperne di più o ordinare qualche pezzo scrivi al più presto a koalabijoux@hotmail.it

Facciamo posto alle novità?


E' arrivato il momento del cambio stagione. Impariamo le tecniche di decluttering per l'armadio

Le temperature si abbassano e arriva il fatidico momento del cambio stagione! Negli armadi cominciano a trovare posto maglioni, cappottini, pantaloni pesanti. Quelli della scorsa stagione, con qualcosa che non indosseremo mai neanche quest'anno e - magari - la voglia di qualcosa di nuovo.
Ma, per far posto a cose nuove, bisognerebbe appunto far posto…DRAMMA!

Ecco perché oggi ho deciso insieme a te di apprendere l’arte del decluttering. Ogni tanto leggo post meravigliosi di chi ha deciso di fare del decluttering il mantra della sua vita. Liberarsi del superfluo, negli armadi, nella libreria e nella vita. Li leggo ammirata e, per un istante, penso che ce la potrò fare anche io. Poi mi scontro con la dura realtà: sono un’accumulatrice seriale e, se anche dovessi riuscire a liberarmi di sacchi e sacchi di cose, poi nel giro di poche settimane tornerei a piombare nel caos più totale.

Riprovare non nuoce quindi ho fatto per te e per me, una bella ricerca on line e ho trovato tantissime “tecniche di decluttering”. Fatene buon uso.
La più basic è quella del trucco del sacchetto che propone di prendere un sacchetto qualsiasi e fare un giro di tutta la casa. Non dovremmo far altro che buttare nel sacchetto qualsiasi cosa che sembra chiaramente di troppo, senza stare tanto a pensarci. Riempire il sacchetto più in fretta che si può. Quando è pieno, non metterlo in attesa: uscire subito di casa e buttare tutto via.
Le strategie, a dire in vero, sono tante e le più disparate. C’è chi consiglia di occuparsi di un ambiente alla volta e chi invece sostiene che il lavoro di pulizia vada fatto drasticamente una volta per tutte ovunque. Uno dei trucchi proposti consisterebbe nel segnare su un foglio quali sono gli spazi più disordinati della casa, poi concentrarsi su una zona per volta. Per ogni oggetto, bisogna chiedersi: "Quante volte l’ho usato negli ultimi sei mesi?”, e se la risposta è “mai”, si ha davanti qualcosa che non serve più. Occorre metterlo subito da parte, e sbarazzarsene in fretta, prima che vada a occupare altro spazio accumulandosi altrove nella casa.

Marie Kondo è l'autrice del best seller "Il magico potere del riordino"

Ci sono poi tantissimi libri strapieni di consigli. Il più noto è “Il potere del riordino” di Marie Kondo l’autrice del metodo giapponese che trasforma gli spazi e la vita.
Fortemente legato alla filosofia zen, il riordino fisico proposto da Marie Kondo porta anche importanti vantaggi psicologici e spirituali. Liberare gli spazi per alleggerire la mente, vivere nel presente e non nel passato, valorizzare il bello e liberarsi dalle cose inutili o che non ami. Marie Kondo propone un vero e proprio metodo, con lezioni di organizzazione, stanza per stanza. Il libro l’ho letto, ho applicato solo un paio di consigli che riguardano l’armadio, poi in un giorno di decluttering…l’ho dato via!

Un metodo italiano è quello che Sabrina Toscani racconta nel suo "Facciamo ordine"

Sabrina Toscani invece è italiana ed è professional organizer. Nel libro “Facciamo ordine” propone il metodo SRC (Semplifica e Riprendi il Controllo) che aiuta a rimettere ordine in casa, al lavoro e nella vita.
Delizioso è anche il Quaderno d’esercizi per liberarsi delle cose inutili, un piccolo e utile quaderno di esercizi che ti aiuta a ragionare e “lavorare” sui tuoi comportamenti di consumatrice per diventare più selettiva, sia in casa che nella vita.
Infine, se poi proprio ti appassionerai, sappi che esistono anche dei corsi e dei mini corsi online visibili su Spacecleaning.it

Fatemi sapere come è andata!